Enrico Marco Cipollini per “Collisione d’interni”

Silloge 2019, pp 80 – € 12,00
Immagine di copertina “Incontri d’anime e orizzonti – Artista Amelia Fratello

Una poesia matura (ho avuto il privilegio di leggere le sillogi della Infante), una evoluzione stilistica formale che è di chi “ama”, ha passione del poetare denigrato dai “poeti” –   per l’appunto tra virgolette – dozzinali, della domenica. Nella poesia, va da sé, c’è sempre lo scontro incontro con la realtà quotidiana che non è la nostra res: ciò che invero ci riguarda assurge all’universalità del “sentire”, proprio perché ci assorbe, ci travolge nella sua essenzialità.

Quando la Infante parla del “per sé”, in verità dice del “per noi”; noi esseri umani abbiamo una matrice comune che si può riassumere con le seguenti parole: “vivre est sentir” (Cabanis, physiologiste et médecin). Senza andare oltre in digressioni, le quali pur dovrebbero esser fatte nostre, ciò che mi ha colpito è il sostrato di tale silloge, è il suo “PERDERSI”. Un eros che non è baci, abbracci o amplessi, bensì una tensione verso; un eros quindi sublimato ma coinvolgente. Si assiste al dialogare tra lei e il “muto desiderio” (il non detto), che è il senso stesso del suo “dicere”, in tale raccolta.

Questa inizia così nell’incipit:

 quando non ci sono
sono tra le strade
che vanno verso il mare

(il perdersi-repetita- è base in tale raccolta).

È da lì che si dipana il dettato poetico di Maria Teresa.

Si vede ne “in prima classe non v’è alcuna ferita”: noi siamo tutti clandestini, le parole stesse sono clandestine. Chi non rivedrebbe nel “mito sempiterno” del Simposio platonico codeste parole? “Amori dispersi in galattiche indifferenze, come stelle, ad incontrarsi mai.”

Anche nel viaggio compiuto a Medina si legge tale tensione, tale “erotismo”, tale amore che si espande, nutre, quale alito vitale(pneûma) tutto. È l’animo dell’essere umano, del vedere (theoria) che dà, crea il milieu: lo rende nostro. Va la poetessa alla genesi, all’essenza così quando dice dei luoghi (vv. 4-5): “luoghi da raccontare, nei quali mi sono lasciata amare” (p. 76). E chiude tale mirabile crestomazia con “Teresa” e “Versandomi”, dove sempre si è nell’incedere della vita, “solo ogni volta che verso” – “liquidi dal mio petto / sparge sul pavimento gocciolio esistendo.”

Nelle “bassure dell’esperienza”, direbbe Kant (senza pruriti esistenzialistici), io vivo, trovo me stesso, il senso proprio dove c’è delusione e illusione: la realtà e il nostro spirito si confrontano, si misurano con l’altro che è primariamente “natura”, “materia”, “hŷle”, “esperienza di vita”: un vissuto solo facendo i conti con il sé, dal quale l’imago o le rêve può far fruttificare l’essere.

Prof. Enrico Marco Cipollini

Enrico Marco Cipollini
Filosofo, saggista

La sua ultima pubblicazione “Viaggiarsi dentro” (una traccia per ricercar-si).
Etimi del sentire, aspetti filosofia moderna e contemporanea in rapporto con l’oggi.

 Un libro di saggistica in una seconda edizione arricchita e rivisitata tenendo conto dell’attuale situazione storica, della trasformazione sociale e del terrorismo internazionale
che rischiano di condurci a una lotta tra Culture e Civiltà

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close