L’inizio della fine


“Mi sono assiduamente impegnato a non ridere delle azioni degli uomini, a non piangerne, a non detestarle, ma a comprenderle.”
Baruch Spinoza

Abbiamo bisogno di crescere, come individui e come comunità, smettere le scarpette da running, consapevoli che non bisogna mai abbassare la guardia, consci della necessità di tenere viva l’attenzione sui fatti che accadono nel quotidiano, ma che alzare la voce, gridare al sensazionalismo e istigare a sentimenti di odio e rancore è intraprendere una strada senza uscita che conduce a un vicolo cieco.

Non serve grattare nel fondo, scavare nel fango, pescare nel torbido, girare il coltello nella piaga.

Mai indifferenza, mai disinteresse, ma la curiosità morbosa sventra le vittime uccidendole oltre che nel corpo anche nell’anima, privandole della dignità eterna in cui le ha consegnate la morte.

Gridare “al lupo al lupo” per poi dimenticare, non è la soluzione al male insito nell’animo umano. Estirpare il male alla sua radice non accadrà mai, l’utopia che non bisogna mai smettere di inseguire è che abbia sempre meno proseliti, sempre meno devote menti contorte. Nostro dovere è operare dei cambiamenti in noi stessi, evolvere coscienziosamente anche nell’approccio alla notizia, alla violenza che ogni giorno ci viene sbattuta in faccia, ancor prima del caffè. L’orrore e il raccapriccio vanno parallelamente al rispetto dei drammi personali o di massa, senza giudicare, strumentalizzare il dolore altrui.

La spettacolarizzazione crea implosione nell’antro del male spandendone ovunque le schegge

Esteriorizzare il crimine vuol dire rafforzarlo nella sua immagine; bisogna invece saperlo riconoscere e disfarne le fattezze.

La violenza non ha solo un solo nome – quello della vittima di turno –  i genocidi non hanno tempo ma sono i corsi e ricorsi storici di una umanità sempre uguale a se stessa, con tutte le sue miserie e tale continuerà ad essere se non si educa all’Amore universale e al rispetto reciproco.

Educare al rispetto del pensiero altrui, del credo, dell’appartenenza, e all’uguaglianza che sia di genere o di etnia, non solo a parole, ma con esempi comportamentali e di vita. Si inizia dal proprio stagno, sperando che come sasso lanciato nell’acqua il messaggio si dilati simile ai cerchi concentrici provocati dal tonfo e si spanda a vista d’occhio.

Cerchiamo insieme di crescere; cresciamo, diventiamo adulti una volta per tutte ed educhiamo in tutta umiltà come persone e in responsabilità come appartenenti ad un unico genere: quello umano.

Testo

Maria Teresa Infante

Thanatos ed Eros – di padre in figlio

Eros di padre in figlio, tace.

Chi sei, poco loquace

che in orbite cammini

su questa solfatara

che all’Ade fu sottratta

senza saper del male?

Dissero che la morte

aveva mani adunche

– Thanatos fu guerriero

del vento e condottiero –

scrissero farse e drammi

poemi a mani piene

ma Alcesti ha occhi neri

sfumati di mistero

e visse anni interi

ancor vaga di notte

qui dell’Amor errante

s’è fatto sol reato

senza saper che pupo

s’allatta a grandi sorsi

a bocche rosse e colme

e annacqua senza soste

arterie in capo al mondo

a dorso del suo cocchio

fors’anche rosso sangue.


Maria Teresa Infante
Silloge “Rosso sangue”, Oceano Edizioni 2018

Un pensiero riguardo “L’inizio della fine

  1. E. . . per crescere veramente in consapevolezza . . . significa imparare ad osservare se stessi nel profondo . . . incontrare le proprie debolezze e cercare il modo per superarle . . . lasciare la convinzione di essere perfetti e con umiltà . . . cercare aiuto da chi con amore sa indicare la giusta via !!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:
search previous next tag category expand menu location phone mail time cart zoom edit close